Home » Padel Consigli e Approfondimenti » Regole Padel. Le principali regole per giocare a Padel (mini-guida facile)

Regole Padel. Le principali regole per giocare a Padel (mini-guida facile)

Ecco le regole del Padel. Una guida esaustiva sul regolamento al Padel. Racchette, rete metallica, giocatori… e qualche utile consiglio sulle principali regole del padel.

Regole del Padel

Il Padel è lo sport del momento? Sembra proprio di si. Tutti credono che le attuali regole siano state scritte dal suo inventore, ma non tutti sanno che il regolamento ufficiale fu redatto dalla moglie di Enrique Corcuera, colui che ideò il gioco negli anni ’70. Sulla storia del padel potete leggere il nostro articolo dedicato. Ora invece scopriamo come si gioca e quali sono le regole principali di questa disciplina sportiva.

LE REGOLE FISSE DEL PADDLE

Se sentite sempre più parlare del Padel è perché questo è lo sport del momento, molto chiacchierato e seguito da numerosi appassionati di ogni età e sesso; ci sono inoltre molte Associazioni che si occupano di unire le persone che vogliono avvicinarsi a questa disciplina, oltre ai vari campionati dedicati.

I punti forti del Padel sono principalmente la semplicità e l’immediatezza, ma nonostante questo ci sono delle regole da rispettare: quali sono?

Prima di tutto per il Padel (anche definito Paddle, all’inglese) serve ovviamente uno spazio idoneo. Il campo di padel misura in lunghezza 20 metri e una larghezza di 10; la rete al centro crea due suddivisioni di gioco e dovrà essere alta almeno 88 centimetri al centro (per 92 ai lati).

Le due aree di gioco sono suddivise anche dalla linea di servizio, posizionata a circa 6,95 metri dalla rete: tutto ciò rende il campo per il Padel simile a quello per il tennis, ma con una vistosa differenza che riporta (in parte) allo squash.

Per il Paddle infatti il terreno di gioco (all’aperto o al chiuso) dev’essere recintato da pareti, muri o reti solide, il tutto per permettere alla palla di rimbalzare ai lati: i rimbalzi infatti sono fondamentali e consentiti come nello squash ma non nel tennis.

Le palline da gioco approvate dalla Federazione Internazionale sono identiche a quelle da tennis, mentre la differenza tra tennis,squash e padel sta nella racchetta: questa infatti misura circa 45,5 centimetri e non ha corde, bensì una serie di buchi posizionati al centro. Inoltre la padella o la pala da regolamento dev’essere legata al polso dei giocatori, con una corda o un cavo (non elastico).

LE PRINCIPALI REGOLE DEL PADEL

  • il padel si gioca in doppio
  • le coppie possono essere miste
  • la pallina è quella del tennis
  • la racchetta invece è diversa e al posto delle corde ha dei fori
  • la racchetta da padel deve avere una corda o cavo che la unisca al polso del giocatore
  • la racchetta può essere di diverse forme: rotonda a goccia o a Diamante

Segui il nostro canale You Tube e guarda gli altri video sulle regole del padel. Clicca qui

L’importanza della Grata nel Padel

Uno degli aspetti peculiari del Padel è rappresentato dalla grata o griglia, un elemento unico, perché l’imprevedibilità della traiettoria impressa da quest’ultima alla pallina ad ogni rimbalzo interessa al massimo la soglia umana di attivazione psico-fisica.

Ecco perché i giocatori devono essere molto reattivi, sia a livello fisico che mentale, in modo da poter rimandare la pallina nel campo avversario.

Le regole del Padel nominano spesso questa griglia, che durante il servizio è un elemento scomodo per il battitore, e sottolineano come dev’essere costruita, in quali parti del campo è presente e la sua importanza imprescindibile.

Un esempio? Come riporta la Regola 9, la battuta si ripete se la palla tocca la rete metallica cioè la grata o i pali che la sostengono prima del secondo rimbalzo nell’area di battuta del ribattitore.

Ma vediamo di seguito come effettuare il servizio nel padel e quali sono le regole e come eseguirlo in modo ottimale.

La battuta nel Padel come eseguire il servizio senza commettere errori

Tra gli sport di derivazione tennistica, che si praticano in coppia, spicca il padel. Non a caso i colpi di base del padel sono derivati proprio dal tennis tra la volée, il dritto ed il rovescio. Ma detto questo, come si inizia il gioco a padel? Ovverosia, come si esegue correttamente la battuta? Quando è fallo e quando, invece, la battuta può essere ripetuta come da regolamento?

la battuta nel padel va eseguita colpendo la palla da sotto facendo rimbalzare la pallina dietro la linea di servizio.

servizio nel padel
qui un esempio di come si effettua la battuta nel padel

Al riguardo c’è da dire che, rispetto al tennis, nel padel il servizio può essere effettuato colpendo la palla solo dal basso posizionandosi dietro la propria linea di servizio.

Per non commettere fallo al servizio è necessario che la battuta da sotto, prima di tutto, sia diretta, con una traiettoria in diagonale, nell’area opposta di battuta dove è schierato l’avversario.

Facendo rimbalzare la pallina prima per terra, il servizio nel padel può essere effettuato con un colpo che, a scelta, può essere di dritto oppure di rovescio.

Per essere valida, la Battuta deve necessariamente rimbalzare nel campo avversario o toccare una delle pareti altrui, restando nel campo opposto.

Fallo di battuta come evitarlo e quando ripetere il servizio

Il giocatore di padel al servizio, ha la possibilità di ripetere la battuta nel caso in cui la pallina prima tocca la rete metallica o i pali che la delimitano, e poi cade nell’area di battuta del giocatore avversario.

Si commette fallo nel caso in cui la palla colpisca il corpo dell’avversario.

Mentre il servizio non si potrà ripetere, e sarà quindi fallo di battuta, quando prima del secondo rimbalzo la pallina tocca la rete metallica.

E’ fallo di battuta anche quando al servizio la palla prima colpisce una delle pareti di vetro e poi rimbalza nell’area di campo del ribattitore. Il che significa che nel padel non è ammesso il gioco di sponda quando si effettua il servizio, mentre è essenziale mentre si gioca.

Quando è invasione nel padel? Come evitare questo errore

L’invasione nel padel avviene quando toccate la rete con la racchetta o con una parte del corpo, ma non solo: ecco quando si verifica.

L’invasione nel padel si verifica in queste 3 occasioni:

  • se toccate la rete con la racchetta o con una parte del corpo – punto perso
  • se colpite la palla prima che abbia oltrepassato la rete – punto perso
  • se entrate con i piedi o la racchetta nel campo avversario

Se la palla colpisce il corpo dell’avversario avete commesso fallo perché essa può toccare solo la racchetta, il campo e le pareti. Ecco qualche specifica.

Ricordate che la palla è in gioco da quando si effettua il servizio alla chiusura del punto, e il servizio è considerabile effettuato dalla caduta della pallina al colpo con la racchetta (all’altezza o comunque sotto la cintura).

Ecco perché il giocatore che tocca la rete mentre il battitore deve ancora effettuare il servizio non rappresenta invasione: è infatti possibile toccare rete o paletti dopo una volée di attacco aggressiva e vicina ad essa, oppure al recupero di una palla caduta quasi a filo.

Rimandare la palla al volo prima che abbia oltrepassato la rete è un caso che solitamente si verifica quando l’uomo a rete vede rimandata una palla molto lenta, la classica “caramella” che arriva quasi senza peso, rivelandosi all’ultimo una palla insidiosa.

Queste nozioni sono contenute nell’edizione aggiornata delle “Regole del Padel” pubblicata periodicamente dalla Federazione Italiana Tennis: l’invasione è riscontrabile nel capitolo III (gioco), Regola 13 (punto perso) e 14 (risposta buona).

Come si fa punto a Padel?

Nel padel viene considerato punto in alcune circostanze specifiche vediamo quali.

I punti si accumulano quando l’avversario colpisce la palla indirizzandola direttamente sulle pareti del campo opposto o sulla rete metallica, oppure se rimbalza 2 volte sul suolo o se la battuta da un giocatore rimbalza sul campo avversario colpendo oggetti o elementi estranei al campo da gioco.

Il punto è valido anche quando a seguito di uno smash la palla rimbalza una volta nel campo avversario, colpisce la parete e ritorna nel campo di chi ha effettuato il colpo senza che l’avversario tocchi la palla.

I punti si perdono se la palla rimbalza 2 volte sul campo prima di essere respinta o se un giocatore la colpisce al volo prima che questa abbia superato la rete.

I giocatori possono uscire dal campo attraverso uscite laterali per colpire la palla solo nel caso in cui non abbia rimbalzato per 2 volte consecutive sul campo.

Viene considerato punto anche quando un giocatore colpisce violentemente la palla e come nel caso descritto precedentemente la palla rimbalza una volta nel campo avversario, colpisce la parete e infine esce dal campo. In questo caso ci possono essere 2 interpretazioni:

  1. Si stabilisce prima che nel momento in cui la palla fuoriesce dal campo dopo aver colpito la parete l’avversario non possa rimetterla in gioco uscendo dalle porte laterali.
  2. Nei tornei e dove il campo e la struttura lo permette il giocatore può recuperare la palla uscendo dalle aperture laterali colpendo la palla rimandandola nel campo avversario facendola passare però dalle entrare laterali.

Ecco un video esplicativo per comprendere meglio il recupero da fuori campo.

Viene assegnato il punto quando la palla colpita dall’avversario finisce sulla rete centrale e rimane nel suo campo.

Se un giocatore colpisce la palla e non rimbalza a terra nel campo avversario ma colpisce direttamente la parete in questo caso il punto viene assegnato alla squadra avversaria.

Il calcolo dei Punteggi nel Padel

Padel Illustrazione semplice

Per giocare a Paddle bisogna ovviamente scoprire subito come funzionano i punteggi, ma in realtà è tutto molto semplice e immediato perché si tratta degli stessi del tennis.

Quando la squadra che ha il turno di battuta segna il primo punto il punteggio è di: 15 – zero. Viceversa se la squadra che riceve farà il punto il punteggio sarà: zero – 15. Di seguito elenchiamo per semplificare:

  • Primo punto 15
  • Secondo punto 30
  • Terzo punto 40
  • Quarto Punto si vince il gioco

In caso di parità al Terzo punto cioè sul 40 pari la prima coppia che segna due punti consecutivi si aggiudica il gioco.

La squadra che vince per prima 6 giochi con due di vantaggio si aggiudica il set. Per vincere la partita una squadra deve aggiudicarsi almeno 2 set su 3.

In caso di parità di 5 giochi a testa la squadra che chiude il set con il punteggio di 7 a 5 vince il set. Invece se le due coppie sono in parità sul 6 a 6 si va al Tie-Break oppure in alternativa si gioca con il doppio vantaggio ma solo se lo si stabilisce prima di giocare.

Il punteggio nel Tie-Break

I punti nel Tie-Break si contano in modo progressivo cioè: uno, due, tre, quattro cinque, sei e sette

La squadra che realizza per prima sette punti con due di vantaggio vince. In caso di parità si procede ad oltranza. Chi vince il Tie-Break vince il set con punteggio di 7 a 6.

Chi inizia il Tie-Break? Inizia a battere il giocatore della squadra che avrebbe avuto il diritto di battere e si prosegue con questa sequenza: si parte dal lato destro del campo, la seconda e la terza battuta sul lato sinistro e così per le altre poichè i punti del Tie-Break sono 7.

Finito il Tie-Break la squadra che ha risposto inizia a battere.

Il punto de oro o Killet point

Questo metodo è un’alternativa al punteggio classico ed è anche chiamato punteggio senza vantaggi o killer point, quindi il punto d’oro viene calcolato come segue:

  • Nessun punto: zero
  • Primo punto 15
  • Secondo punto 30
  • Terzo punto 40
  • Quarto Punto si vince il gioco

Se si arriva in parità sul 40 – 40 si gioca il punto d’oro. Chi si aggiudica questo punto vince il gioco. La squadra che ribatte può decidere se ricevere dal lato sinistro o destro e i giocatori sempre della squadra che ribatte può anche decidere di cambiare posizione.

Se le squadre sono miste a risponde alla battuta sarà il giocatore dello stesso sesso che esegue il servizio e i giocatori che ricevono non possono decidere di cambiare posizione.

FEDERAZIONE PADDLE E CAMPIONATI

La Federazione ufficiale del Padel in Italia è stata creata nel 1991: essa si occupa di 2 campionati, i World Championships di coppia e i World Championships a squadre, entrambi sia maschili che femminili ed organizzati ogni 2 anni.

L’evento più importante per i giocatori professionisti, sempre sia maschili che femminili, è il World Padel Tour, mentre in Italia si disputano i campionati di Serie A, B e C (serie D regionale).

La FIP (acronimo di Federazione Internazionale Padel) è un organismo che si occupa di governare il gioco e si fissare le regole di gioco: i controlli continui sul corretto svolgimento degli incontri è portato a termine dal Comitato delle regole del Padel della FIP, e si occupa anche di proporre eventuali modifiche alle stesse riportandole all’Assemblea, cioè l’autorità responsabile in ultima istanza, come stabilito dall’articolo 19 dello statuto.

Nonostante regolamenti, associazioni e manifestazioni sportive, il bello del Padel è la possibilità di poter giocare in modo amatoriale, ed è anche il motivo del suo successo come hobby che cura la salute e la mente, ottimo per socializzare e allenarsi, adatto a tutti e per tutte le tasche.

Articolo aggiornato al 18 Marzo 2021

8 commenti su “Regole Padel. Le principali regole per giocare a Padel (mini-guida facile)”

  1. Ciao mi viene un dubbio sulle regole … se durante il gioco io colpisco la palla e la mando sulla grata della mia parte di compo e poi rimbalza due volte nel campo avversario è punto ?

    Rispondi
  2. Ciao! Non ho ben capito se, quando riceviamo alla prima battuta, possiamo rispondere colpendo il vetro, chiaramente dopo che la palla è già rimbalzata.
    Durante il gioco so che è possibile, il dubbio mi sorge sulla riposta alla battuta…

    Grazie

    Rispondi
    • Ciao Fabio. Si, è possibile colpire la palla facendola rimbalzare sulla parete di vetro del tuo campo rispondendo alla battuta del tuo avversario dopo che la palla è rimbalzata a terra sempre nel tuo campo.

      Rispondi
  3. Ciao, volevo sapere se la rete in risposta è equiparata al vetro. Cioè, se in risposta posso tirare contro la mia rete facendo così arrivare la palla nel campo avversario… Per “rete” intendo grata di ferro !😅

    Rispondi
    • Ciao Marcello, grazie per la tua domanda. Purtroppo no, non poi farlo. In questo caso il punto andrebbe al tuo avversario. Se può essere utile riportiamo di seguito anche la REGOLA 13 – Punto perso alla lettera j) che dice questo: “se un giocatore colpisce la palla e questa tocca la rete metallica o il terreno nella sua metà campo o qualsiasi oggetto estraneo al campo sito nel proprio terreno di gioco.”

      Rispondi

Lascia un commento